Autore: CongressoSpeleo2020

PRESS RELEASE OF 22/03/2020

Warning, variations dues to the COVID-19 emergency, the congress will be postponed to a date to be assigned.

More than 150 abstracts have been delivered for the XXIII National Speleology Congress “The melody of the caves” that should have been held in Ormea (CN) from the 30th of May until the 2nd of June.

Sadly, the emergency situation in which Italy, Europe, and the whole world finds itself force us to other priorities and our music will play again, but further on…

So the rendez-vous is postponed to a date to be assigned, it is still too soon to make any prevision. Probably it will take place in 2021.

As soon as it will be possible we will find a date that will allow us to bring together speleology and science, exploration and research.

We would like to give visibility to the received abstract anyway, keep an eye on the website because we will update the sessions, giving space to curiosity. The deadline to submit the papers will of course be properly rescheduled, there will be the chance to update those who have already been submitted and to present some new ones.

Everything is in the making, everything evolves.

For those who have already paid the fee, please write us to iscrizioni@congressospeleo2020.it specifying the name and the IBAN code, so that we will be able to provide the refund (unfortunately we cannot act in an automatic way because the receipt you sent us doesn’t provide your IBAN code which is essential to the payment).

Waiting for better times, we wish you to spend this period In the best possible way.

Communiqué de presse du 22/03/2020

Attention,  variations due à l’urgence COVID-19, le congrés sera reporté à une date ultérieure.

Plus de 150 abstacts ont été livre pour le XXIIIème Congrés National de Spéléologie “La mélodie des grottes” qui aurai du se tenir à Ormea (CN) depuis le 30 May jusqu’au 2 Juin.
Malheureusement la condition d’urgence dont se trouvent l’Italie, l’Europe et le monde entire nous oblige à d’autres priorités, et notre musique va jouer ancore, mais plus tard dans le temps…
Le rendez vous est donc reporté à une date ultérieure, maintenant il est trop tôt pour faire une prévision, probablement directement dans l’an 2021.
Dés qu’il nous sera possible on trouvera une date qui nous permettra de faire rencontrer spéléologie et science, exploration et recherche.
Nous aimerons de même donner une bonne visibilité aux résumés qui nous ont été pervenus, gardez un oeil sur notre site web parce que nous allons mettre à jour les sessions en donnant de l’éspace à la curiosité. Clairement les termes de livraison des travaux seront rénové. Il y aura la possibilité de mettre à jour ceux qui ont déjà été livrés et d’en présenter des nouveaux.
Tout est en train de s’évoluer.
Pour ceux qui ont déjà payé le frais, écrivez nous à l’adresse iscrizione@congressospeleo2020.it indiquant le nom de famille, le prénom, et l’IBAN pour qu’on puisse nous adoperer pour le remboursement (malheureusemente on ne peut pas agir automatiquement parce que la reçu que vous nous avez envoyé ne présente pas votre IBAN, una information fondamental pour pouvoir vous rembourser).
En attente de des meilleurs temps, on vous souhaite de passer dans la meilleure des façons cette période difficile.

Comunicato stampa del 22/03/2020

Congresso Nazionale di speleologia a Ormea rimandato a data da destinarsi

Più di 150 abstracts sono stati consegnati per il XXIII Congresso Nazionale di Speleologia “La melodia delle grotte” che avrebbe dovuto tenersi a Ormea (CN) dal 30 maggio al 2 giugno.

Purtroppo la condizione di emergenza che ha travolto l’Italia e il mondo intero ci costringe ad altre priorità e faremo risuonare la melodia delle grotte ancora, ma più in la’ nel tempo.

L’appuntamento è quindi solo rimandato, a data da destinarsi, troppo presto per fare previsioni.

Appena ci sarà possibile, troveremo dei giorni che ci permettano quell’incontro tra speleologia, scienza, esplorazione e ricerca, che stavamo e stiamo preparando con tanto impegno

Ci piacerebbe comunque dare la giusta visibilità ai riassunti pervenuti, tenete dunque d’occhio il sito perché ne aggiorneremo le sessioni, dando spazio alla curiosità. Ovviamente i termini di consegna dei lavori saranno adeguatamente rimodulati, ci sarà la possibilità di aggiornare quelli già inviati e di presentarne di nuovi.

Tutto è in divenire, tutto evolve.

Chi avesse già pagato la quota, ci scriva a iscrizioni@congressospeleo2020.it indicando nominativi e IBAN, così che si possa provvedere al rimborso (purtroppo non possiamo agire in automatico perché la ricevuta che ci avete inviato non contiene il vostro IBAN, dato fondamentale per il pagamento).

 

In attesa di tempi migliori, vi auguriamo di trascorrere al meglio questo difficile periodo. Arrivederci in grotta, appena sarà di nuovo  possibile! 

XXIIIéme Congrés National de Spéléologie – La mélodie des grottes,

Ormea (CN), 30 May – 02 Juin 2020

Le congrés se propose comme un point de rencontre, discussion et approfondissement des plusieurs arguments qui concèrnent directement le monde spéléologique.

L’union entre la recherche et la spéléologie sera proposé dans une série de sessions liées pas seulement à l’étude et à la connaissence des systèmes karstqiues, mai aussi plus directement à l’activité spéléologique, mettend en évidence comme l’attention d’aspects considérés plus scientifiques permette une clé de lecture importante pour l’exploration.

Nous serons au pieds du Marguareis, spéléopatrie de Giovanni Badino, qui a su parler plus que tout le monde de l’armonies des grottes, de la mélodie qui est créé concaténand des aspects qui sembleraient trés different les un avec les autres comme la téchnique, climatologie hypogée, biospéléologie, en nous apprenant à lire les signaux qui nous ont été laissé par le temp, et à faire attention à laisser des evidences toujour plus minces de notre passage pendant l’exploration, en savant saisir des précieux indices qui parlent des vides qui doivent encore être découverts.

Chaque sessions sera introduite depuis un ou plusieurs experts qui feront le point des connaissences sur l’argument en objet, ensuit il y auron des communications plus interessantes choisies parmi toutes celles qui ont été présentées sur l’argument. Les autres travaux seront présentés dans une session de posters.

On parlera de procés géologiques et de circulation de fluides, de comment l’air et l’eau raccontent des vides qui doivent encore être découverts. Il y aura de l’éspace dédié à la rappresentation et à l’ultilisation des nouvelles téchnologies dans la documentation des grottes, à la spéléologie urbaine, à la plongée en grotte et à beaucoup de choses encore.

Lundi 01 Jiun quatre visites techniques seront organisées:

  1. au souterrain laboratoire de la grotte de Bossea
  2. au sources karstiques qui alimentent le fleuve Tanaro
  3. au systeme karstique de la Grotte de Basura-Grotte de S.Lucia (Toirano)
  4. sur les côtés collinaires des Langhe et aux caves sociales qui sont patrimoine de l’UNESCO.

Toutes les infomrations liées à la logistique et à la presentation des travaux se trouvent sur le site www.congressospeleo2020.it .

Pour toutes informations vous povez écrire à l’adresse info@congressospeleo2020.it

Guida e Fotografo naturalistico Gabriele Cristiani

Gabriele Cristiani
Guida e Fotografo naturalistico

Proposte di escursioni

Contatti

  • Escursioni naturalistiche in giornata o di più giorni

    La parte alta della Valle all’interno del Parco del Marguareis, l’area carsica alpina più famosa del Piemonte, vi porta alla scoperta di meraviglie botaniche e panorami lunari, regno del camoscio, del lupo del gallo forcello.
    Si passa poi dalle terre alte della antica Via Marenca, cammino storico dei pastori per monticare dai territori dei Liguri alle Alpi e scambiare il sale con le popolazioni Piemontesi…

    Tour del Marguareis, spettacolare anello intorno alla Cima Marguareis da compiere a tape fino a 5 giorni…

    Alto Tanaro Tour, anello interamente in Valle Tanaro che collega le borgate storiche della bassa Valle con gli antichi insediamenti alpini usati dai pastori nel periodo estivo…

    Balconata di Ormea, percorso che rimanendo ad una quota media di 1200mt circa ripercorre antichi sentieri che univano le borgate situate lungo il versante a mezzogiorno dell’Alta Valle del Tanaro.

  • Fotografia

    Trekking fotografici a tema naturalistico (fauna ed endemismi botanici) e paesaggistico (storico, geologico) di uno o più giorni con possibilità di pernotto in rifugi alpini (in periodi di apertura) e servizio navetta per attrezzatura e bagagli.

  • Workshop giornalieri o di più giorni

    Programma: uscita fotografica a tema (Flora, Fauna, Paesaggistica) con sessione pomeridiana\serale in aula con video proiezione dedicata all’analisi degli scatti effettuati e alla post-produzione.

Accompagnatrice naturalistica Marina Caramellino

Marina Caramellino
Accompagnatrice naturalistica

Proposte di escursioni

Contatti

  • VAL PENNAVAIRE – VAL FERRAIA

    La cascata del Rio Ferraia e le caverne

    Partenza dal paese di Alto
    Difficoltà E = escursionistica
    Quota partenza m. 650
    Quota max m. 850
    Durata circa 5 ore fra andata e ritorno compresa la sosta per il pranzo al sacco

    L’obiettivo dell’escursione sarà quello di arrivare alla cascata del Rio Ferraia, ma anche di sbirciare nella preistoria di queste valli considerate dagli studiosi la prima culla dei Liguri che le abitarono sin dal Paleolitico nelle varie caverne (arme) dalle rocce calcaree con banchi di quarziti.

    Ore 10 ritrovo in piazza del castello ad Alto arrivati alla cappella di San Sebastiano sull’Arma da Via, il vecchio sentiero che collega Alto con Capruna, si procede sulla mulattiera per scendere al fiume Pennavaire.

    Arrivati alla cascata del Ferraia che con un salto di m. 25 si tuffa in un piccolo laghetto, inizieremo la scoperta delle arme, l’Arma du Cupà, l’arma delle Ravinelle e della Giera.

    Ritorniamo ad Alto con un sentiero nel bosco fra maestose betulle.

    Abbigliamento consigliato: scarponcini da trekking, pantaloni lunghi, k-way, zaino con borraccia d’acqua e pranzo al sacco.

  • VAL PENNAVAIRE – l’anello del Monte Armetta e il Garb del Dighea

    Leggiamo la storia dei Castagni in cammino

     

    Partenza da Ormea
    Difficoltà E=escursionistica
    Quota di partenza m. 750
    Quota max m. 1740
    Durata 6 ore più le soste e il pranzo al sacco

    Borghi disabitati o quasi, faggete, pascoli, ascoltiamo la cultura dell’antica Valle Tanaro.

    Ore 9 ritrovo in piazza ad Ormea, attraversato il fiume saliamo sino all’ultima frazione della sponda di sinistra Alpisella superiore, dove faremo la prima sosta per qualche foto e per una lettura sulla storia dei castagni, ci inoltriamo in una faggeta fitta che accompagnerà il nostro cammino sino a Colla Bassa, e poi ardimentosi e vogliosi di panorami aperti sul mare arriveremo al monte Armetta (m. 1740) per il ristoro e per la seconda e ultima lettura.

    Discesa per il percorso di salita, che è Alta Via dei Monti Liguri, deviazione al Garb del Dighea una caverna che è sempre servita da riparo ai pastori dove è segnalata la presenza di un endemisno della Val Tanaro, la Plectogona sanfilippi, un millepiedi che vive nelle grotte, caverne, insomma nelle cavità sotterranee , sino a raggiungere il rifugio Pian dell’Arma da dove attraverso la Via Alpina e il sentiero per Ormea ritorneremo sui nostri passi ad Alpisella soprana e poi via……… sino ad Ormea che ci attende per il rientro.

Accompagnatore naturalistico Claudio Zanardi

Claudio Zanardi

Accompagnatore naturalistico

Proposte di escursioni

Contatti

CAPRAUNA – COLLE SAN BARTOLOMEO – CAPRAUNA

I Panorami

Partenza dal paese di Caprauna
Difficoltà T = turistica
Quota partenza m. 950
Quota max m. 1400
Durata 6 ore fra andata e ritorno con pranzo al sacco

L’obiettivo dell’escursione sarà quello di arrivare ai pascoli alti per godere del panorama sul mare della provincia di Savona e di Imperia.

Ore 10 ritrovo a Caprauna, visita al museo etnografico del paese, partenza per il passo dei Sii che ci porterà al colle San Bartolomeo di Ormea, sui lati del sentiero molti spuntoni di falesia e di rocce calcaree ci evidenzieranno l’orogenesi alpina di 25 milioni di anni fa.

Dal Colle San Bartolomeo discesa verso la chiesetta di Madonna Guarneri del XXIII secolo, punto di sosta per i mercanti del sale verso la valle Tanaro e la pianura piemontese.

Ritorno a Caprauna attraverso la mulattiera che conduceva agli alpeggi e al paese.

Abbigliamento consigliato: scarponcini da trekking, pantaloni lunghi, k-way, zaino con borraccia d’acqua e pranzo al sacco.

Accompagnatore naturalistico Simone Rossi

Simone Rossi
Accompagnatore naturalistico

Proposte di escursioni

Contatti

  • Dolina del Profondo

    Escursione in splendido ambiente alpino d’ alta quota alla scoperta di una delle doline più’ impressionanti delle Alpi Liguri.

    Dall’ameno abitato di Viozene si risale fino al pianoro pascolivo di Pian Rosso, sovrastato dalla mole dei bastioni del Mongioie. Si segue poi un’antica via di transito tra pianura Padana e costa Ligure quasi fino al valico del bocchino dell’Aseo, deviando poco prima su erti pascoli sino all’impressionante depressione del Profondo.
    Con piccola deviazione si può’ raggiungere la sommità del monte Rotondo, per meglio apprezzare la cima del Mongioie ,composta da rocce sedimentarie e quella del Bric di Conoja, di rocce metamorfiche.
     
    Dislivello: 1100 mt 
    Distanza: 14 km
  • Anello di Quarzina

    Nel mare Carsico delle Alpi Liguri il gruppo di cime Pizzo d’ Ormea ,Roccate e Conoja si distingue per l’ origine cristallina della roccia che le compone.

    Alle pendici del Pizzo sorge,in posizione superba, il borgo di Quarzina che già dal nome lascia pochi dubbi sull’origine geologica di questa zona.
    Da qui una rilassante escursione ad anello tocca splendidi pascoli terrazzati, l’ameno specchio d’ acqua del Lao, il solitario nucleo del Biranco, con lo sguardo che si perde fino al mar Ligure quando le spalle sono rivolte verso questa singolare “isola” alpina.
     
    Dislivello: 300mt
    Distanza: 6 km
  • Anello della Balma del Messere

    Escursione breve ma decisamente ricca di spunti storici e naturalistici.

    La Balma del Messere è una grotta frequentata dall’uomo sin dalla preistoria e fortificata in epoca alto-medioevale. Sospesa su un fianco della montagna all’imbocco di un orrido la si raggiunge con salita marcata dal fondovalle del Tanaro, in quello che a tutti gli effetti è un vero viaggio nel tempo.
    Da qui, se le condizioni metereologiche lo permettono, prestando attenzione si risale su aereo sentiero l’ impressionate orrido di Prali, incisione di limitata estensione ma di grandiosa profondità.
    Usciti dal mini canyon in borgata Licatti attraverso ombrosi castagneti si ritorna sul fondovalle.
     
    Dislivello: 200 mt
    Distanza: 4 km

Comunicato di Dicembre 2019

Novità sul XXIII Congresso Nazionale di Speleologia

Insieme a un corposo aggiornamento sul sito del Congresso, pubblichiamo anche le Notizie dal XXIII Congresso Nazionale di Speleologia Ormea 2020, a cura di Bartolomeo Vigna, Presidente del comitato scientifico

Scarica il comunicato

  • 1
  • 2